1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

Articoli

Dopo circa 10 anni riapre la Biblioteca Comunale “Ciro Angelillis” di Monte Sant'Angelo

Dopo il trasferimento dalla vecchia sede di Corso Umberto I, è rimasta chiusa al pubblico dal 2003. Da venerdì 3 gennaio 2014 la Biblioteca Comunale di Monte Sant’Angelo - intitolata allo storico Ciro Angelillis - torna ad essere fruibile. La nuova sede, presso il Complesso delle Clarisse, nel centro storico della Città Unesco, è stata inaugurata venerdì 3 gennaio 2014. Alla presentazione, insieme al sindaco di Iasio e all’assessore alla cultura Granatiero, sono intervenuti: lo scrittore e poeta Mario Desiati (finalista premio Strega 2011), il direttore della Fondazione Bellonci - Premio Strega, Stefano Petrocchi e Ciro Angelillis, il pronipote dello storico a cui è intitolata la Biblioteca, che, per l’occasione, ha donato alcuni libri che andranno ad arricchire il Fondo Angelillis.
 
Dopo circa 10 anni il patrimonio storico e culturale della Città di Monte Sant’Angelo ritorna ad essere fruibile dai suoi cittadini. Venerdì 3 gennaio 2014 riapre la Biblioteca Comunale “Ciro Angelillis” di Monte Sant’Angelo.
 
“Finalmente riapre la Biblioteca Comunale e grazie al suo immenso valore storico Monte Sant’Angelo torna ad essere capitale culturale del Gargano” – ha dichiarato un entusiasta Antonio di Iasio, Sindaco della Città di Monte Sant’Angelo.

“È stato un anno intenso per la programmazione culturale della città. Dopo l’approvazione dei progetti Poin (5 milioni di euro per la riqualificazione dei maggiori Beni Culturali), dopo aver messo in rete in nostri Beni con la cardMSA, il protocolli di intesa con i siti Unesco di Puglia, la presidenza dell’associazione Italia Langobardorum, un altro importante tassello si aggiunge alla programmazione culturale della città: la riapertura della biblioteca comunale intitolata a Ciro Angelillis” – ha aggiunto il primo cittadino della Città dell’Arcangelo.

“Un evento culturale di grande importanza. Dopo 10 anni riconsegniamo alla città la sua memoria storica, la casa dei grandi padri della nostra cultura. Un evento atteso dalla città e fortemente voluto dall’Amministrazione, di cui siamo davvero orgogliosi. Mi auguro possa essere per tutti i cittadini uno spazio vivo, uno spazio privilegiato di conoscenza, sede di un fermento culturale, di cui questa città, si è sempre fatta portavoce” – ha concluso di Iasio.

Giovanni Granatiero, Assessore ai Beni e alle attività culturali ha dichiarato: “S’inaugura con l’apertura della Biblioteca Comunale ‘Ciro Angelillis’ il nuovo anno culturale di Monte Sant’Angelo. Un evento che segna un momento storico per la città dell’Arcangelo che dopo 10 anni vede la riapertura di uno dei luoghi simbolo della nostra storia, cultura e tradizione. La Biblioteca Comunale di Monte Sant’Angelo rappresenta un vero e proprio patrimonio culturale d’inestimabile valore. Al suo interno sono custodite opere e fondi che tramandano la nostra storia e la nostra identità. Al fondo Tancredi, Perna, Angelillis, Fischetti, si aggiungono altre importantissime collezioni, i fondi dell’archivio storico, quello dell’archivio dell’ECA ed i fondi dei grandi autori dauni”.
 

La Biblioteca Comunale di Monte Sant’Angelo aderisce al sistema bibliotecario regionale, polo di Foggia – Biblioteca Provinciale la “Magna Capitana” e, grazie alla partecipazione al progetto “Riqualificazione e valorizzazione del Sistema delle Biblioteche” (Programma Pluriennale di Asse IV – P.O. FESR 20072013. Linea 4.2. – azione 4.2.1 lett. F) è stato possibile una prima catalogazione digitale di mille monografie (testi a stampa moderni) e di circa 250 libri antichi. In questo modo si è permesso, un piccolo ma significativo passo verso la modernizzazione della Biblioteca Comunale e la sua partecipazione al sistema integrato dei Beni culturali e del sistema bibliotecario regionale. Inoltre è stato possibile dotare la Biblioteca di un software dedicato per la gestione e la catalogazione libraria.

www.montesantangelo.it