1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

Articoli

“Insediamenti montani e rurali nell’Italia longobarda, alla luce degli ultimi studi”: 40 docenti di 16 Università italiane al convegno nazionale a Monte Sant’Angelo

“Erat hoc sane mirabile in regno Langobardorum… - Insediamenti montani e rurali nell’Italia longobarda, alla luce degli ultimi studi” è il titolo del convegno nazionale promosso dall’Associazione “Italia Langobardorum” che si terrà nell’Auditorium delle Clarisse a Monte Sant’Angelo, in Puglia, da venerdì 10 a domenica 12 ottobre 2014. Oltre agli interventi dei relatori, tra i massimi esperti nazionali, in programma: venerdì 10 il saluto delle Autorità, sabato 11 l’intervento di Beat Brenk e del direttore nazionale dei Gruppi Archeologici d’Italia, e domenica 12 arriva a Monte Sant’Angelo il Capo Segreteria del Ministro Franceschini. Venerdì 10, alle ore 21, in programma anche “Meraviglioso - ricordando Domenico Modugno”, concerto dell’Ensamble Suoni del Sud.

IL PROGRAMMA COMPLETO

Circa 40 i docenti di 16 Università italiane relazioneranno durante il convegno. Coinvolte le Università degli Studi di Bari, Milano, Padova, Bologna, Foggia, Roma, Perugia, Napoli, Calabria, Venezia, Salerno, Brescia, Venezia, Salento e Molise. Interverranno anche due soprintendenti (il Soprintendente per i beni archeologici del Friuli Venezia Giulia e il Soprintendente per i beni architettonici e paesaggistici di Salerno e Avellino), insieme al direttore nazionale dei Gruppi Archeologici d’Italia e al Presidente dell’Associazione Italia Langobardorum, l’associazione rappresentante del sito seriale UNESCO “L’Italia dei Longobardi. I Centri di potere (568-774)” riconosciuto nel 2011.

Venerdì 10, alle ore 9, il saluto delle Autorità. Interverranno: Antonio di Iasio (Sindaco di Monte Sant’Angelo), Giovanni Granatiero (Presidente Associazione Italia Langobardorum), Stefano Pecorella (Presidente Ente Parco Nazionale del Gargano), Luigi La Rocca (Soprintendente Beni Archeologici della Puglia), Giuseppe Palladino (Presidente Bcc San Giovanni Rotondo), Giorgio Otranto (Presidente Associazione Internazionale per le ricerche sui santuari), Padre Ladislao Suchy (Rettore Santuario San Michele Arcangelo di Monte Sant’Angelo).

Sempre venerdì, al termine degli interventi dei relatori, alle ore 21, presso l’Auditorium “Beato B. Markiewicz” del Santuario di San Michele Arcangelo, il concerto dell’Ensamble Suoni del Sud dedicato a Domenico Modugno dal titolo “Meraviglioso”. Ingresso libero.

Sabato 11, oltre ai relatori in programma, interverranno anche Beat Brenk (già professore ordinario di storia dell'arte paleocristiana e medievale presso l'Università di Basilea, ha insegnato anche all'Università di Amburgo, alla Hebrew University of Jerusalem, all'Università di Utrecht, alla Johns Hopkins University di Baltimora, alla Stanford University) e il direttore nazionale dei Gruppi Archeologici d’Italia, Gianfranco Gazzetti. Domenica 12 previsto anche l’intervento del Capo Segreteria del Ministro Franceschini, l’Arch. Biancaneve Codacci Pisanelli.

“Siamo felici di ospitare e promuovere un evento di elevatissima caratura culturale che coinvolge i massimi esperti nazionali sulla materia” – dichiara il Sindaco di Monte Sant’Angelo, Antonio di Iasio, che aggiunge – “Le tracce dei Longobardi fanno parte della nostra storia, delle nostre radici, della nostra cultura. Come tali vanno tutelate, preservate, valorizzate. Ma queste manifestazioni ci consegnano anche una responsabilità, quella cioè di continuare le ricerche e gli studi anche negli altri Beni della nostra Città, nel Sud e nell’Italia intera”. “Ai docenti, un caloroso benvenuto nella nostra città ed un augurio di buon lavoro” – conclude di Iasio.

Per Giovanni Granatiero, Presidente dell’Associazione Italia Langobardorum e Assessore ai Beni e alle attività culturali della Città di Monte Sant’Angelo, il convegno rappresenta “uno dei punti massimi dell’attività dell’Associazione ed è anche il primo convegno di studi dopo il riconoscimento del sito seriale ‘I Longobardi in Italia’ da parte dell’UNESCO”. Granatiero prosegue - “Studi, ricerche e aggiornamenti sugli insediamenti montani e rurali nell’Italia longobarda saranno l’asse portante del convegno a cui parteciperanno i massimi esperti a livello nazionale. Sono coinvolte 26 Università italiane con l’auspicio di proseguire nella valorizzazione e promozione del valore storico, artistico e culturale delle tracce lasciate nella nostra nazione dai Longobardi”.

L’Associazione Italia Langobardorum è la struttura che gestisce il sito “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)” ed è costituita dai Comuni di Benevento, Brescia, Campello sul Clitunno, Castelseprio, Cividale del Friuli, Monte Sant’Angelo, Spoleto, dalla Fondazione CAB-Istituto di cultura “Giovanni Folonari” e dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Il Sito seriale "I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)" comprende le più importanti testimonianze monumentali longobarde esistenti sul territorio italiano, che si situano dal nord al sud della penisola, laddove si estendevano i domini dei più importanti Ducati Longobardi che formarono quella che possiamo definire la prima "nazione" italiana.

Il convegno “Erat hoc sane mirabile in regno Langobardorum… - Insediamenti montani e rurali nell’Italia longobarda, alla luce degli ultimi studi” è promosso dall’Associazione Italia Langobardorum in collaborazione con Gruppi Archeologici d’Italia, Gruppo Archeologico Salernitano, Città di Monte Sant’Angelo. L’iniziativa ricade nelle Giornate Nazionali di Archeologia Ritrovata - manifestazione dei Gruppi Archeologici d’Italia - che si avvale dell’ALTO PATRONATO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA e gode del patrocinio di Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo - Direzione Generale per i Beni Archeologici, Regione Puglia – Assessorato all’Assetto della Qualità del Territorio, Arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo e con il sostegno di Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, A.I.R.S. (Associazione internazionale per le ricerche sui santuari), Ente Parco Nazionale del Gargano, Camera di Commercio Industria, Artigianato e Agricoltura di Foggia e Banca del Credito Cooperativo – San Giovanni Rotondo.

 

www.longobardinitalia.it