1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

"Settimana della Cultura UNESCO", a Monte Sant'Angelo, dal 25 al 31 maggio, la prima edizione

Si terrà dal 27 al 31 maggio 2014, a Monte Sant’Angelo, la Settimana della Cultura UNESCO. Cinque giorni di incontri, eventi, presentazioni, concerti, visite guidate nei luoghi riconosciuti patrimonio mondiale dell’umanità. In programma: proiezione del film documentario l’Italia dei Longobardi, la presentazione del libro “Non dirmi che hai paura” di Catozzella (finalista Premio Strega 2014), visite guidate su prenotazione, la presentazione della pubblicazione “I Longobardi” e il concerto di un duo stellare, Natalio Mangalavite e Juan Carlos Albelo. 

SCARICA IL PROGRAMMA COMPLETO

“Vogliamo fare del turismo culturale il vero motore dello sviluppo economico della Città” – dichiara Antonio di Iasio, Sindaco di Monte Sant’Angelo, che aggiunge – “La Settimana della Cultura Unesco si inserisce all’interno di una programmazione turistico-culturale ampia e protagonista nell’agenda dell’Amministrazione. In due anni abbiamo promosso numerosi progetti e iniziative - quali la cardMSA, i protocolli di intesa con Andria, Alberobello, Bari e San Giovanni Rotondo, i 5 milioni di euro per la riqualificazione dei Beni culturali, la riapertura della Biblioteca Comunale, le invasioni digitali, ecc… - per valorizzare il nostro inestimabile patrimonio e intercettare nuovi flussi turistici. Un grazie sentito alla Regione Puglia e al Parco Nazionale del Gargano, insieme a tutti coloro che collaborano alla buona riuscita dell’evento”.

Giovanni Granatiero, Assessore ai Beni e alle attività cultura della Città di Monte Sant’Angelo e Presidente dell’Associazione Italia Langobardorum, dichiara: “Presentiamo una settimana di eventi dedicati alla cultura declinata in tutte le sue forme. Tre incontri dedicati alla cultura longobarda, con la presentazione del documentario, della pubblicazione e della mostra, insieme alla presentazione di un libro finalista del Premio Strega e un concerto con due grandi jazzisti”. L’Assessore aggiunge – “La Settimana della Cultura Unesco mira ad innalzare sempre di più il livello di valorizzazione delle testimonianze Longobarde e la diffusione della loro conoscenza. Promuovere la nostra storia e la nostra cultura, significa tutelare e valorizzare la nostra identità. Con l’Associazione Italia Langobardorum infatti, numerose sono state le iniziative promosse soprattutto con il mondo della scuola. L’Associazione quindi, come laboratorio di buone pratiche, in cui il know how e l’esperienza dei singoli siti diventano un patrimonio di conoscenza condivisa fondamentale per valorizzare al meglio i nostri tesori. Un’alleanza per la bellezza, per la cultura, per l’eccellenza”.

“Tutelare e salvaguardare i nostri Beni culturali, valorizzarli e promuoverli, sono le nostre priorità. Il progetto Settimana della cultura Unesco rappresenta un incentivo alla crescita culturale, a supporto dell’attività turistica, della riflessione sui nuovi modelli di gestione dell’economia legata ai beni culturali, delle nuove strategie e best practice di marketing territoriale e culturale. Un evento che mira al potenziamento di strategie di place brand del territorio al fine di valorizzare le eccellenze culturali in vista di uno sviluppo turistico che sia in grado di creare un flusso turistico leisure contraddistinto da interessi culturali” – è il commento dell’Assessore al Turismo della Città di Monte Sant’Angelo, Michele Ferosi.

 
In programma:
  • Martedì 27 maggio, ore 19.00, presso la Sala conferenze della Biblioteca Comunale “Ciro Angelillis”, la proiezione del film documentario “L’ITALIA DEI LONGOBARDI” con l’autore Enrico Settimi e il regista Luca Peyronel. Porteranno i saluti Antonio di Iasio (Sindaco di Monte Sant’Angelo), Giovanni Granatiero (Presidente Associazione Italia Langobardorum) e Stefano Pecorella (Presidente Ente Parco Nazionale del Gargano). Saranno presenti ilM° Peppino Principe e i professori Giorgio Otranto e Immacolata Aulisa.
  • Mercoledì 28 maggio, alle ore 19.00, Sala conferenze Biblioteca Comunale “Ciro Angelillis”, la presentazione del libro “NON DIRMI CHE HAI PAURA” di Giuseppe Catozzella (Feltrinelli, 2014), finalista del Premio Strega 2014.
  • Giovedì 29, venerdì 30 e sabato 31 maggio, alle ore 17.00, SULLE TRACCE DEI LONGOBARDI,
  • le visite guidate al Museo Lapidario (Cripte Longobarde) del Santuario di San Michele Arcangelo. Necessaria la prenotazione (348.7196465). Posti disponibili: 50 per ciascuna delle tre visite.
  • Venerdì 30 maggio, alle ore 19.00, Sala conferenze Biblioteca Comunale “Ciro Angelillis”, presentazione della pubblicazione “I LONGOBARDI – Origini mitiche, storia e archeologia di un popolo millenario” (Edito dall’Associazione Italia Langobardorum) conMaria STOVALI e Giorgio Flamini (Comune di Spoleto) e Francesca MORANDINI (Comune di Brescia).
  • Venerdì 30 maggio la visita della Città da parte di giornalisti, opnion leaders e bloggers in occasione dell’educational tour “IL CINEMA TRA NATURA E CULTURA”, promosso in collaborazione con il Comune di Manfredonia e l’Associazione “Angeli”.
  • Sabato 31 maggio l’inaugurazione della Mostra “TRAME LONGOBARDE”. Alle ore 10.30, presso l’Auditorium delle Clarisse, la presentazione della mostra e la consegna degli attestati del corso di formazione “Trame e tessiture Longobarde”. Alle ore 12.00, presso il Castello, l’inaugurazione della mostra, con il Sindaco di Iasio, il Presidente dell’Associazione Italia Langobardorum Granatiero, Stefano PECORELLA (Presidente Ente Parco Nazionale del Gargano) e Loredana ARNÒ (Presidente Club Unesco Foggia).
La chiusura della prima edizione della Settimana della Cultura Unesco è affidata ad un duo stellare di jazzisti. Sabato 31 maggio, alle ore 21.00, presso l’Auditorium delle Clarisse, il concerto “ENCUENTRO LATINO” del duo composto da NATALIO MANGALAVITE (piano e voce) e JUAN CARLOS ALBELO (violino e armonica). Ingresso gratuito. 
 

MANGALAVITE, argentino, ha suonato e arrangiato per Ornella Vanoni per più di 20 anni. Numerose le collaborazioni: con Javier Girotto, Peppe Servillo, Fabrizio Bosso, Avion Travel, Paolo Fresu.

ALBELO, cubano, si stabilisce in Italia e inizia una proficua collaborazione con alcuni tra i più noti artisti della musica leggera italiana, fra cui Gabriella Ferri, Franco Califano, Pino Daniele, Claudio Baglioni, Phil Palmer, Tullio De Piscopo.

Il Santuario di San Michele Arcangelo di Monte Sant’Angelo nel 2011 è stato riconosciuto dall’Unesco quale patrimonio mondiale dell’umanità inserito nel sito seriale “I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)”.
 
L’UNESCO ha finora riconosciuto un totale di 981 siti (759 beni culturali,193 naturali e 29 misti) presenti in 160 Paesi del mondo. Il sito seriale quindi fa parte dei 49 siti italiani iscritti nella celebre Lista, e Monte Sant’Angelo è il terzo sito per la Puglia (dopo Castel del Monte e Alberobello). Il sito seriale comprende 7 comuni (Cividale del Friuli, Brescia, Spoleto, Campello sul Clitunno, Castelseprio-Torba, Benevento e Monte Sant’Angelo) che rappresentano “l’universalità della cultura longobarda al suo apice”.
 
La “Settimana della Cultura Unesco” è un progetto promosso dall’Assessorato ai Beni e alle attività culturali e dall’Assessorato al Turismo della Città di Monte Sant’Angelo, dall’Associazione Italia Langobardorum, con il contributo dell’Assessorato al Mediterraneo, Cultura e Turismo della Regione Puglia e dall’Ente Parco Nazionale del Gargano, con la collaborazione di Club Unesco Foggia, Padri Micheliti, Airs (Associazione Internazionale per le ricerche sui santuari), cooperativa Ecogargano, Proloco e Pugliapromozione.
 
settimana Unesco MSA