1. Skip to Menu
  2. Skip to Content
  3. Skip to Footer

Longobardi in Vetrina - "Riuso consapevole dell'antico in età longobarda"

LONGOBARDI IN VETRINA! Si Comincia!
 
Al via la prima delle numerose aperture di Mostre Longobarde che faranno di quest'inverno un periodo molto caldo!
La prima Mostra che inaugura è il 
"Riuso consapevole dell'antico in età longobarda"
in esposizione a Tempietto sul Clitunno e al Museo Nazionale del Ducato di Spoleto.
 
Vi Aspettiamo Martedì 18 dicembre alle ore 12.00 a Campello e alle ore 15.00 a Spoleto per le inaugurazioni!
 
48365814 826927327477838 8633398802042060800 o
 
Longobardi in vetrina è un modulo del ricco panorama di attività promosse dall’Associazione Italia Langobardorum, la struttura di gestione del sito UNESCO "I Longobardi in Italia. I luoghi del potere (568-774 d.C.)", e finalizzate alla diffusione della conoscenza della cultura longobarda attraverso la valorizzazione delle realtà museali presenti nelle città del sito UNESCO dei Longobardi, sia in altre del resto della Penisola che conservano ed espongono reperti di questo popolo.
La collaborazione e la sinergia tra i musei ha permesso gli scambi temporanei di reperti, articolati in 7 grandi temi, e la realizzazione, in contemporanea, di 15 mostre per conoscere i Longobardi. 
A corredo delle mostre sono previste attività didattico-formative e conferenze che prefigurano questo progetto come la prima grande mostra diffusa a livello nazionale dedicata al popolo longobardo, la più grande per estensione e coinvolgimento di istituzioni e di patrimonio archeologico.
Le 15 mostre si inaugureranno tutte entro il mese di gennaio 2018 e saranno raccolte in un catalogo unico cartaceo ed in un'unica esposizione virtuale realizzata con MOVIO.
 
Longobardi in vetrina è parte del progetto Scambi e condivisioni tra musei per valorizzare il patrimonio longobardo per il quale l’Associazione ha ottenuto dal MiBACT il riconoscimento della sua validità e l’ammissione a finanziamento a valere della Legge 77/2006 ‘Misure di tutela e fruizione a favore dei siti UNESCO’.